Code & Design by Franco Bindo
N.B.: Ciascun utente che utilizza le informazioni ricavate e ricavabili da questo sito web lo fa sotto propria ed unica responsabilità.
© COPYRIGHT STUDIO TECNICO dott. ing. FRANCO BINDO - DIRITTI RISERVATI – RIPRODUZIONE VIETATA

home

CERTIFICAZIONE ENERGETICA E TENUTA ALL'ARIA DEGLI EDIFICI (gennaio 2016)

01.01.2016 - Si apre un nuovo anno nel quale il percorso normativo legato alla tenuta all'aria degli edifici si arricchisce di contenuti. Nella Provincia di Trento sono entrati in vigore il 01.01.2016 nuovi piu' restrittivi requisiti di tenuta all'aria, requisiti che nei successivi anni diveranno ancora più impegantivi.
Questo dimostra che nel mercato edilizio vi e' una falla normativa aperta che solo alcuni protocolli di certificazione cercano di chiudere (PAT, CasaClima, ARCA, LEED...). Una falla che rende legale la realizzazione di edifici certificati ad alta ed altissima prestazione energetica pur in assenza di considerazioni e verifiche in merito all'ermeticita' dell'involucro edilizio. Sono certificazioni formalmente corrette ma che possono definirsi estemporanee e che mai saranno aderenti alla realta': una classe A, una classe A+, un edificio NZEB ecc. non saranno mai energeticamente efficienti se non lo sara' l'ermeticita' dell'involucro. Non e' infatti sostenibile l'ipotesi che si possa costruire con criteri di risparmio energetico quando l'involucro edilizio risulti estremamente coibentato ma senza garanzie di efficienza in termini di tenuta all'aria (ed al vento).
Un involucro perfettamente coibentato fa si' che le dispersioni termiche siano dovute pricipalmente a quel vitale ricambio dell'aria che deve rendere salubre e confortevole l'ambiente in cui viviamo e lavoriamo. Il mercato offre la realizzazione di impianti di ventilazione controllata che possono potenzialmente recuperare quasi la totalita' del calore (inteso sia "caldo" che "freddo") dell'aria che, rinnovata, viene espulsa dell'edificio. Perchè allora non si pone attenzione anche a quell'insalubre e strutturalmente pericoloso flusso convettivo incontrollato di aria e vapore che attraversa i difetti costruttivi del nostro edifico classe A, A+, NZEB? Il ricambio di aria e' vitale ma, in edifici energeticamente efficienti, deve essere gestito consapevolmente in modo manuale o automatico. Tuttavia se l'involucro edilizio non garantisce la tenuta all'aria ed al vento nemmeno il più sofisticato impianto VMC può contribuire al risparmio energetico (ed economico).
Per queste ragioni, ma non sono le uniche, la misura strumentale della qualita' in opera della tenuta all'aria ed al vento degli edifici dovrebbe essere maggiormente considerata dal Legislatore, anche per evitare gli strascichi giudiziari tra chi acquista e chi vende edifici ad elevata efficienza energetica.
Compreresti un'automobile piena di spifferi? No, grazie. E la Tua nuova Casa?

home



CSS Valido!



HTML5 Powered with CSS3 / Styling, and Semantics