Code & Design by Franco Bindo
N.B.: Ciascun utente che utilizza le informazioni ricavate e ricavabili da questo sito web lo fa sotto propria ed unica responsabilità.
© COPYRIGHT STUDIO TECNICO dott. ing. FRANCO BINDO - DIRITTI RISERVATI – RIPRODUZIONE VIETATA

home

VALORE LIMITE RICAMBI ORARI N50 PER LA PROVINCIA DI TRENTO (marzo 2015)

La Deliberazione della Giunta Provinciale n.323 del 02.03.2015 ha stabilito dei limiti temporali per la modifica e l'entrata in vigore dei nuovi valori limite per il ricambio d'aria a 50 Pa. La deliberazione ha esteso l'obbligo della verifica della tenuta all'aria dell'involucro alla classe energetica A, oltre alla A+, introducendo un indice di penalizzazione per l'indice di prestazione energetica globale nel caso di superamento di tali valori entro un certo intervallo. La gradualità temporale deriva dalla necessita' di dare tempo alle maestranze di acquisire la necessaria dimestichezza con le lavorazioni necessaria al "difficile" rispetto del valore n50 pari a 0,6 Vol/h. L'allegato A alla D.G.P n.323 del 02.03.2015 stabilisce i seguenti requisiti e limiti temporali.

Classe
energetica
Valore limite
fino al 31.12.2015
Valore limite
dal 01.01.2016
Valore limite
dal 01.01.2019
A+ 1,5 (2,5) 1,0 (2,0) 0,6 (1,5)
A -- (--) 1,5 (2,5) 1,0 (2,0)

AGGIORNAMENTO OTTOBRE 2015
In provincia di Trento, nel caso di edifici il cui progetto preveda inizialmente la classe A+ o A, o per i quali sia comunque stata raggiunta la classe A+ o A, ai fini della certificazione energetica dell'edificio come realizzato, e'obbligatorio misurare la permeabilita' dell'involucro edilizio all'aria". Questo e' previsto dal D.P.P. 13 luglio 2009, n. 11-13/Leg come aggiornato dall'allegato A alla Delibera della Giunta provinciale n. 323 del 02 Marzo 2015.
L'allegato fa riferimento all'esecuzione di blower door test secondo il metodo A della UNI EN 13829. Questa norma e' stata ritirata con sostituzione dal 22.10.2015. Poiche' il riferimento nell'allegato A alla norma UNI EN 13829 non presenta una data (es: UNI EN 13829:2002) questo deve intendersi implicitamente sostituito dall'ultimo in vigore, ossia il riferimento alla UNI EN ISO 9972 che ha testo in inglese. Quest'ultima non prevede un "metodo A", ma prevede comunque un metodo "building in use" che indica come "Method 1". Questo sarà quindi il protocollo da utilizzare per la conduzione dei test di tenuta a partire dal 22.10.2015. Il metodo sostanzialmente non è differente dal metodo precedente, prevede tuttavia il raggiungimento di differenze di pressione fino a 100 Pa.
L'allegato A alla D.G.p. n. 323 del 02.03.2015 ed il codice dell'Urbanistica della P.A.T. prevedono l'esecuzione dei test in via generale senza specificare se deva essere eseguito sull'intero edificio, su tutte le singole unita' immobiliari o solo su alcune.
Ai fini della certificazione energetica, l'allegato H al Decreto del Presidente della Provincia 13 luglio 2009, n. 11-13, prevede invece di eseguire il test su almeno il 20% del numero di unità, testando comunque tutte le unità immobiliari ubicate nel sottotetto.

home



CSS Valido!



HTML5 Powered with CSS3 / Styling, and Semantics